• RSS Spiritualità Razionale

    • Spiritualità della rinuncia e spiritualità della completa e giusta fruizione
      Alcune considerazioni sull’edonismo o eudemonismo: Quando si solleva un sasso non mosso da tempo si vedono le piantine distorte, avvizzite e pallide; lo stesso succede in relazione alla sessualità: come le piantine condizionate dal sasso, una sessualità repressa, distorta, avvilita … Continua a leggere →
    • Edonismo e eudemonismo
      Da Wikipedia: … l’eudemonismo e l’utilitarismo .. presumono una ricerca del piacere tramite il calcolo della ragione; l’edonismo vuole conseguire invece o il benessere immediato e attuale, il “piacere cinetico” come lo intendono i cirenaici, o il “piacere catastematico” come … Continua a leggere →
    • Spiritualità Razionale
      Per Spiritualità Razionale intendiamo una spiritualità «umana» o, più semplicemente, una Filosofia Di Vita fondata sulle conoscenze umane attuali. Quindi una spiritualità basata sullo spirito, sulla scienza e sulla ragione umana. La ragione non può e non deve limitare il … Continua a leggere →
    • Biocentrismo
      Da La chiave è il biocentrismo Lanza propone una nuova disciplina, il biocentrismo, in cui la biologia ha un ruolo essenziale dal momento che secondo questo scienziato, è la nostra stessa coscienza che crea l’universo e non il contrario. Lanza … Continua a leggere →
    • Dalai Lama e spiritualità libera dalle religioni
          Ndr: Condivido tutto salvo sul fatto che le religioni sono state utili in passato (mi pare che in passato, cambiati i parametri, fosse come oggi. Comunque sono completamente d’accordo sulla necessità di una spiritualità ed una morale completamente … Continua a leggere →
    • Spiritualità e realtà ; una visione umanistica e scientifica del mondo
      Dal sito Bocconi, un aticolo interessante  di Marcello Costa che sottoponiamo alla riflessione: …. Non intendo definire qui la spiritualità in modo troppo rigoroso, ma indicherò, con questo termine un po’ generico, tutte quelle attività umane che ci spingono ad … Continua a leggere →
    • Dottrina della redenzione e la logica
      Da Mattia Fabbri: I vari tentativi compiuti dalla speculazione teologica per argomentare un nesso tra la morte cruenta di Gesù sulla croce e la redenzione dell’umanità si sono rivelati decisamente fallimentari. In qualunque modo si voglia porre la questione, da … Continua a leggere →
    • Fede e Scienza – un breve confronto
      La fede e la scienza riguardano vari campi comuni. E’ quindi possibile fare dei confronti sugli effetti concreti di ciascuna. Un esempio può chiarire efficacemente: Da Wikipedia: Stephen William Hawking (Oxford, 8 gennaio1942) è un fisico, matematico, cosmologo e astrofisicobritannico, … Continua a leggere →
    • Ipazia
      Da Antonella Rizzo: Ipazia d’Alessandria nacque nel 350 d.C. e morì nel 415 d.C. Filosofa neoplatonica, matematica, astronoma, scienziata di grande ingegno diresse il Museion, la più famosa Accademia dell’antichità. Fu martirizzata e uccisa dai monaci parabolani al servizio del … Continua a leggere →
    • Ipnosi regressiva
      Da Wikipedia: L’ipnosi regressiva è una metodologia non scientifica utilizzata da alcuni psicoterapeuti che, secondo i suoi sostenitori, sarebbe in grado di fare affiorare durante la trancericordi rimossi di eventi traumatici che influenzerebbero la vita presente di un soggetto provocando … Continua a leggere →

La cassazione guarda al futuro

Una sentenza della cassazione indica in maniera inequivocabile che l’equilibrio del minore va tutelato senza pregiudizi di razza o di sesso.

Un figlio è stato affidato, in escluva, ad una coppia di donne omosssuali tenedo conto che una delle donne è la mamma naturale del bambino.

La cassazione ha ritenuto non fuorviante, per l’quilibrio del bambino, che la mamma naturale convivesse ora con un’altra donna.

E’ un passo avanti verso la discriminazione sessuale che osteggia l’evoluzione mentale.

Chiaramente la chiesa si è ribellata a questa sentenza……forse era meglio affidarlo a loro e magari ad un prete pedofilo?

Come crescerebbe un bambino in una famiglia composta da due coppie omosessuali, una maschile ed una femminile? A mio avviso si ricostituirebbe  l’equilibrio delle due figure.

Una famiglia di due coppie omosessuali sarebbe un buon equilibrio per la crescita di un figlio?

Una famiglia di due coppie omosessuali sarebbe un buon equilibrio per la crescita di un figlio?

La nuova “babele”

L’argomento sesso (del quale oggi se ne può liberamente parlare) porta alla luce grande confusione ed imbarazzo.
La confusione emerge dal fatto che fino a due o tre generazioni fa era ancora un tabù verbale e figuriamoci sotto le lenzuola.
L’imbarazzo e la confusione avviene in quanto l’argomento riguarda due contesti; quello puramente scientifico e medico e quello erotico.
Occorre quindi separare i due momenti per non creare confusione e raggiungere chiaramente la finalità di conoscenza sia scientifica che pratica.
Sotto il profilo scientifico studiare come sono fatti e come funzionano gli organi sessuali oggi non è più un broblema, (ho visto dei trattati di medicina dei primi decenni del ’900 dove sul corpo nudo c’è una fascia nera che copre gli organi genitali).
Le cose si complicano quando si entra nella sfera pratica dell’uso di queste parti anatomiche. Il blocco è ancota tutto da liberare in quanto il tabù che le religioni monoteiste hanno imposto (anche se a suo tempo necessario) ha creato nel succedersi delle generazioni distorsioni e deviazioni per raggiungere un’orgasmo (che non può essere quindi liberatorio a causa del tabù secolare) di conseguenza l’insoddisfazione crea dipendenza ed ossesione specie per le persone dotate di grandissima energia di natura sessuale.
Nel corso della seconta metà del ’900 a livello collettivo ci sono stati dei movimenti atti a liberare il sesso dal tabù ed il “movimento femminista” era uno di questi. Esso anche se maldestramente, portava alla luce il desiderio delle donne di affermare la loro individualità e dignità personale facendo capire alla collettività che erano stanche di essere considerate (dal mondo maschile) un buco dove andare a scaricare l’istinto animalesco sessuale.
Questo non voleva dire diventare prostitute… al contrario invece, intendevano dire che il sesso era di loro proprietà e volevano usarlo quando a loro faceva piacere, solo per il piacere e non a pagamento o a disposizione della volontà del maschio. (nel giuramento davanti al prete la moglie deve attendere ai “doveri coniugali” il che equivaleva all’essere a disposizione del marito volente o no)
Questo movimento ha indirettamente sollevato scompiglio nella sfera sessuale maschile in quanto (vittima anche lui del tabù fideistico) nelle fantasie erotiche maschili per arrivare all’orgasmo, immaginarre la figura della puttana lo aiuta ad arrivare all’orgasmo altrimenti non riesce a godere. ( Non ci sarebbe nulla di distorto se la fantasia erotica fosse apertamente manifestata col consenso della partner, in quanto è un trucco fantasioso per eccitarsi ed arrivare all’orgasmo). Ne consegue che le donne che si sono ribellate a questa maniera distorta di accoppiarsi hanno creato grandi sconvolgimenti nella vita del singolo e quella sociale.
Il lavoro della donne fuori casa, anche se faticosissimo in quanto non la libera da quello domestico, è il seguito della lotta che sta facendo per liberare se stessa dal marchio della prostituta- mantenuta che inconsciamente l’uomo fa emergere nell’atto sessuale. (come può sentirsi una donna che non ha appetiti sessuali ,in quel momento, essere a disposizione dell’uomo anche se è il marito? Quello di subire l’atto la fa sentire prostituta perché non prova piacere ed allo stasso tempo mantenuta perché è l’unico modo per non rompere il matrimonio specie in tempi in cui la donna che non era indipendente materialmente e non sapeva dove andare….ed i figli? Che fine avrebbero fatto?)
In questo contesto non c’è accusa ne giudizio sulla condizione sessuale maschile e femminile, ma occorre far emergere le distorsioni che attanagliano la sfera sessuale per poterle liberare e tornare a vivere una sessualità liberatoria e liberata, per tornare ad un rapporto di coppia piacevole..
In un certo senso tutti gli “scandali” che pubblicamente avvengono sono forse un tentativo maldestro e confuso per liberare il sesso proprio dalle distosioni. Questo chiaramente non esonera coloro che assumono cariche pubbliche dal dare esempio di correttezza, etica e chiarezza di comportamento pena il giudizio della società e della legge, se trasgredita.
A propsito di leggi e legalità, dal momento che alla chiusura dei casini, non ha fatto seguito una educazione sessuale corretta e liberatoria (proprio per la difficoltà a trattare un problema tutt’oggi scabroso) la prostituzione dovrebbe essere regolamentata nel considerarla una libera professione esercitata nella propria casa, singolarmente e con dichiarazione di reddito ed obbligo mensile di visita medica a pagamento e non a carico della collettività. Ma quì ritorniamo alla ingerenza pressante e ricattatoria del prete, fino a che non ci disfarremo dei Patti Lateranensi e lo stato diventi LAICO anche nei fatti, noi saremo sempre sotto scacco del Vaticano, divenuto un grosso freno alla liberazione delle coscienze.
Quindi occorre che da ambo la parti la sfera sessuale deve trovare una strada liberatoria.

Perché i bonobo salveranno (ndr: “potrebbero salvare!”) il mondo

Tradotto da Psycology Today:

Quando mi sveglio la mattina, qualcuno potrebbe provare ad uccidermi. Vivo a 10 minuti da una cittadina denominata Durham, NC, in cui secondo le ultime statistiche, 22 persone sono state uccise, 76 donne stuprate e ci sono stati 682 casi di assalto aggravato. Quando uno scimpanzé si sveglia la mattina, probabilmente ha lo stesso pensiero. Infatti, se sei uno scimpanzé maschio, è più probabile che venga ucciso da un altro scimpanzé che qualsiasi altro motivo. Se sei una femmina scimpanzé, pensi che verrai picchiata da ogni maschio adolescente che sta costruendo il suo rango nel gruppo.

La gente spesso mi chiede perché gli esseri umani sono così intelligenti, come anche in che cosa le altre scimmie difettano che ci rende così unici.

Io vi dirò questo: scambierei ogni dispositivo che possiedo – la mia automobile, il mio computer portatile, la possibilità di andare sulla luna – se mi potessi svegliare come bonobo. Nessun bonobo è stato visto mai uccidere un altro bonobo. C’è pochissima violenza verso le femmine. I piccoli ottengono un’infanzia idilliaca dove non fanno niente altro che appendersi con le loro mamme ed ottenere qualsiasi cosa vogliono. C’è abbondanza di cibo. Tantissimo sesso.

Ma, secondo uno dei nostri studi, il 75% della gente non ha idea che cosa sia un bonobo. Questo in realtà non è colpa nostra. Sono trascorsi 13 anni da quando Frans de Waal ha pubblicato “Bonobo: The Forgotten Ape” e da allora, non è stato pubblicato alcun libro popolare sui bonobo fino a che non ho scritto “Bonobo Handshake” che esce oggi.

Confrontare questo con oltre 300 libri pubblicati sugli orsi polari, con 240 libri sugli scimpanzé e con 380 libri sulle zanzare. Ciò dipende in parte perché i bonobo sono così rari. Ce ne sono soltanto 10.000 rimasti nell’ambiente selvaggio. E vivono soltanto in un paese, la Repubblica Democratica del Congo, che ha sofferto la guerra più sanguinosa dalla seconda guerra mondiale. Ma è anche perché i politici, gli scienziati ed i mezzi di comunicazione hanno fatto molti sforzi per fingere che non esistono. Perché?

I Bonobo hanno un sesso allegro(gay). Per i bonobo, il sesso è un meccanismo per ridurre la tensione E voi non potete parlare di due femmine che si strofinano insieme le clitoridi fino all’orgasmo in documentari, in classi del “disegno intelligente”, o ai demografici di destra che credono che l’omosessualità non sia naturale.

I Bonobos non sono considerati come positivi per la famiglia, malgrado il fatto che i bambini possano vedere sulla televisione le persone fatte a pezzi, fatte esplodere e sparate prima delle 8pm.

Quanto agli scienziati, persino scienziati che mi piacciono ed ammiro, si riferiscono sempre solo al “nostro parente vivente più vicino, lo scimpanzé”. Non c’è mai alcuna menzione che noi abbiamo DUE parenti viventi più vicini, lo scimpanzé ed il bonobo.

Se gli scienziati parlano di loro, cercano sempre di neutralizzarli. I ricercatori sui Bonobo vengono infastiditi dalla reputazione del bonobo come di una scimmia eccessivamente sessuata, e vengono costantemente sminuite le differenze fra i bonobo e gli scimpanzé. Anche negli studi sulla cognizione, malgrado Kanzi, i bonobo vengono esaminati raramente in relazione alla cognizione perché ‘ noi’ abbiamo già fatto questo con gli scimpanzé, perché dovremmo farlo con i bonobo? ‘

Per quanto riguarda i politici, i bonobo non hanno mai avuto una possibilità. Riconoscendo l’esistenza di una scimmia che condivide il 98.7% del nostro DNA (che suggerisce una discendenza con sviluppo, cioè evoluzione), ha interazioni omosessuali ed è dominata dalle femmine, è completamente inammissibile.

Il controllo di scrittura di Microsoft non registra neanche “bonobo” come parola. E così i bonobo sono rimasti, bloccato nell’armadietto come un parente imbarazzante. Come mi ha detto una volta uno scienziato sui lemuri, ‘qual è il problema? Nessuno sa dei sifakas’ (i lemuri danzanti, anche se lo sanno, a causa del fumetto Madagascar) ‘perché dovrebbero essere in qualche modo differenti i bonobo?’

Poiché i bonobo tengono la chiave per un mondo senza guerra. La loro fisiologia, biochimica e psicologia è costituita per evitare la violenza. Il fatto che il sesso è il loro meccanismo per ridurre la tensione è irrilevante. Dobbiamo studiare ogni possibile dettaglio dai bonobo ed usare i nostri grandi cervelli grassi per trovare il nostro meccanismo in modo da poter vivere pacificamente.

Abbiamo avuto 26 giorni senza guerra dalla seconda guerra mondiale. Proprio in questo periodo, ci sono 7 conflitti nel mondo intero con oltre 1.000 (ndr: “?”) persone uccise ogni anno. Solo nel Congo, 1.500 (ndr: “?”) persone muoiono ogni giorno. Malgrado si sappia a livello conoscitivo che dobbiamo cooperare e andare avanti (e in alcuni casi eccelliamo in questo – ma non sulle riforme della sanità), le nostre emozioni ci bloccano la strada.

Dobbiamo trovare un modo per essere più come i bonobo. Condividono il 98.7% del nostro DNA. Cosa c’è in quel 1.3% che li rende così come sono? E se possiamo usare il volo del colibrì per fare gli elicotteri e gli occhi del gatto per fare le luci del riflettore, perché non possiamo utilizzare i bonobo per fare la pace sulla terra?

Il 2010 sarà l’anno dei bonobo. Con il mio libro in uscita, Sara Gruen che pubblica il primo romanzo sui bonobo ed il genoma dei bonobo che dovrebbe essere completato a giorni, ci attendiamo che i bonobo si muovano sul fronte della coscienza pubblica.

Rimanete sintonizzati per altri articoli su come i bonobo faranno sobbalzare il vostro mondo. Il mio nuovo libro “Bonobo Handshake” è uscito oggi. E’ disponibile su Amazon, o attraverso il mio sito Web www.bonobohandshake.com

Originale

Bonobo Handshake

Il sesso delle caverne

Da  Paleontologia:

Una statua della fertilità, studiata nella ricerca, e risalente a più di 30mila anni fa, riporterebbe segni evidenti che dimostrano come il sesso aveva ben altri scopi oltre a quelli meramente biologici.

Un antico fallo in pietra, ritrovato in una caverna in Germania e studiato attentamente, dimostrerebbe come gli scambi di coppie e i «giocattoli sessuali» fossero normali anche allora.

La teoria, elaborata da Taylor e pubblicata nel «Manuale dell’evoluzione della sessualità umana», edito da Haworth Press, avanza l’ipotesi che l’atteggiamento verso il sesso, anche nei cavernicoli, rispecchiava una complessa rete di emozioni. Il fatto che, a differenza delle scimmie, il sesso dei nostri antenati (Taylor si riferisce ai primi ominidi che esistevano dai 300mila ai 100mila anni fa) non fosse così facile da distinguere, ha fatto diventare importantissime le relazioni sessuali nei rapporti sociali tra i diversi clan.

«Il sesso vis-à-vis, ovvero faccia a faccia, diventò la relazione interpersonale più importante all’interno delle comunità degli uomini delle caverne, fulcro di comunicazione e di grande inventiva», ha dichiarato Taylor. Lo scienziato ha poi aggiunto che anche la monogamia è un concetto «piuttosto recente», che arrivò con la fine della vita nomade e l’introduzione dell’agricoltura. Prima, il sesso era libero per donne e uomini, forse di più di come lo è adesso.

Originale

Una pagina per domande e risposte


Per domande private avvalersi dell’indirizzo:

m.bonsanti@merylho.it

***

E’ fondamentale liberare il sesso dai tabù secolari messi soprattutto dalla chiesa cattolica.


La masturbazione praticata sin da adolescenti (che va praticata con serenità e non con vergogna) è l’unico modo per conoscere inizialmente la propria sfera sessuale.

Le fantasie erotiche accompagnate da parole stimolo aiutano a liberare il sesso dal tabù per arrivare ad un orgasmo appagante.

Rispondere con onestà e correttezza alle domande degli adolescenti è fondamentale per una sana pratica sessuale.

Cercare risposte assieme ai figli è indice di rispetto reciproco molto edificante per la crescita psicofisica.

Non ci sono lezioni scentifiche da apprendere ma solo tecniche di autoconoscenza………il cazzo e la fica sono tali e come tali vanno usati. Questi termini erotici sono stimolo per una sana eccitazione e vanno collocati nella loro sfera d’azione, non a caso quindi sono stati così espressi in questo contesto.

Quando si fa lezione accademica  di sesso  si  usa il termine “pene e vagina” ma non  quando ci si prepara all’orgasmo, questo concetto deve essere ben chiaro, senza mezzi termini (non siamo a teatro con Proietti che fa lezione di sesso) anche se è uno spettacolo magistrale, che rivela in fondo quanta difficoltà s’incontra quando si parla di educazione sessuale.

Ci vuole coraggio ad uscire fuori dalle castrazioni psicologiche e fisiche ma ritengo non ci sia altra strada per liberarci e liberare in nostri figli, se vogliamo che crescano con una sana conoscenza del loro sesso e della sua funzione di piacere e procreazione.

Da un accoppiamento sessuale vigoroso, appagante e liberatorio nasceranno figli sani, perchè con lo stesso vigore lo spermatozoo entrerà nell’ovulo fecondo e da li si formerà un feto sano ne consegue un figlio sano.

Se non corriamo ai ripari dei danni fatti (volontariamente o no) dalle religioni i nostri figli cresceranno disturbati sessualmente fino a diventare maschi impotenti e femmine che non arrivano mai all’orgasmo, con conseguenze dannose alla sfera sessuale, fisica e psicologica.


***

Partecipa ad un breve sondaggio

Separarli per sublimarli in un unico atto

E’ inizialmente un cammino individuale.
Occorre liberare il sesso dai tabù secolari impressi soprattutto dalla chiesa Cattolica.
Determinante l’educazione alla sessualità sin dalle prime pulsioni giovanili.
Quando l’adolescente inzia a fare domande rispondere con onestà e competenza, in genere la madre risponde alle domande della figlia ed il padre a quelle del figlio,  se non si è preparati, è molto costruttivo percorrere la strada insieme  nella ricerca, ammettendo la propria disinformazione o impaccio.  L’onestà intelletuale verso i propri figli è indice di corretta ed esemplare educazione.
Ben vengano richieste di aiuto.
La pratica della masturbazione è basilare per l’autoconoscenza sessuale. Importanti le fantasie erotiche finalizzate all’eccitazione per arrivare ad un orgasmo liberatorio.

Ci vuole molto coraggio per arrivare a vivere l’atto sessuale ripulito dal tabù  e dalla sporcizia generata dal marchio del peccato.

Non esistono discorsi ma solo tecniche liberatorie accompagnate da un linguaggio ben preciso.   Non è una lezione scentifica. Occorre ascoltare se stessi e non aver paura di masturbarsi quando le pulsioni ce lo fanno capire.

Questa è la strada per mettere al giusto posto la propria sessualità per poi poterla vivere in seguito col partner dal quale siamo attratti.

Si impara attaverso l’atto sessuale di coppia a capire se si tratta di attrazione sessuale pura e semplice o se c’è anche affinità intellettuale.

Il tempo della convivenza ci farà capire se il compagno/a è affine al nostro modo di essere pur mantenendo inalterata l’identità ed il ruolo, che è il fondamento per la stima reciproca.

Il contratto di matrimonio che si basa sulle premesse succitate sono il mattone sul quale si costruisce un nucleo familiare ed  una società sana.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: